Virtualizzare Vista con VirtualBox

da BlogVista

Scopo: eseguire Windows Vista da una ISO (immagine del DVD su file) dentro ad una macchina virtuale.

Motivazione: se avete Xp, potete visionare Vista coi vostri occhi. Oppure, potete sperimentare se l’integrazione del Service Pack 1 è andata a buon fine.

Materiale occorrente: Il Dvd di Vista, o una sua ISO, e Innotek VirtualBox, che si scarica gratis dal sito ufficiale. (Il sito è in inglese, ma il software  in italiano ed è pure di libero utilizzo). Il software pesa solo 17,38 MB

Se non avete la ISO: Nessun problema: avrete un DVD, no? VirtualBox può usare direttamente il DVD fisico dentro la macchina virtuale, dopo vedremo come, per cui non è un problema

NB: per virtualizzare vista, che da solo richiede minimo 512 MB vi occorrono almeno 1 GB di RAM. Non provateci se ne avete solo 512, non funzionerà mai

Step 1: Preparare l’ambiente virtuale

Una volta installato il nostro prode VirtualBox, avviatelo

image

 

Normalmente lo trovereste vuoto, nell’immagine come vedete c’è il mio VirtualBox, con già due ambienti virtuali creati per un Xp e u Ubuntu Linux.

Ora con voi creerò passo passo l’ambiente di esecuzione per Windows Vista, da ISO o da DVD

Clicchiamo sul pulsante ‘Nuova’ dando così il via alla procedura guidata per la creazione di una nuova macchina virtuale. Alla prima schermata premete Successivo, quindi date un nome di fantasia alla vostra macchina virtuale (per intenderci è il nome che comprare sulla colonna di sinistra, vedi l’immagine precdente, nella finestra principale) e Scegliete come sistema, ovviamente,  Vista.

image

Premete Successivo. Come dimensione della memoria di base impostiamogli 512 MB poi premiamo di nuovo Successivo.

La schermata successiva serve per creare un hard disk virtuale. Clicchiamo su Nuovo….

image

e verrà avviata una nuova wizard, o procedura guidata. Dopo aver premuto Successivo ad inizio procedura, ci viene chiesto se l’HDD deve essere dinamico o fisso e viene spiegaa la differenza: praticamente se è fisso viene creato un file sul vostro disco fisso reale della dimensione iniziale pari a quella impostata da voi nel passo successivo, altrimenti viene inizialmente creato di pochi MB e quindi VB provvedrà da solo ad allargarlo secondo bisogno. Non ci  sono grandi differenze prestazionali, difatti io scelgo sempre Dinamico. Voi  fate come volete!

Nella finestra successiva dobbiamo scegliere nome e posizione sul nostro disco fisso di questo HDD virtuale, nonchè la sua dimensione. Mettiamogli 10-15-20 GB e stiamo tranquilli. Premiamo Termina per ritornare alla prima procedura guidata, dove ora sarà già selezionato l’HDD da noi appena creato.

Ora premiamo un ultima volta Successivo e quindi Termina. E siamo quasi pronti per eseguire l’installazione ! Difatti nella finestra principale è ora comparsa la nostra nuova macchina virtuale, col nome, scelto da me, di Vista Sp1 (perchè ieri vi ho insegnato come integrare su ISO il Sp1 di Vista e oggi voglio provarlo con voi)

image

Step 2a: Se abbiamo Vista su DVD

Cliccando sulla voce ‘Vista Sp1′, vedrete a destra le caratteristiche del ‘finto’ pc che andrà ad eseguire Vista. Come potete notare, ora come ora non ha una unità CD/DVD montata.

image

Clicchiamo sulla scritta blu CD/DVD-ROM , nella finestra che si apre abilitiamo l’opzione Monta lettore CD/DVD (che in realtà fa anche da masterizzatore, ma questo è un altro discorso…). Infine selezioniamo la letterà corrispondente all’unità del nostro pc reale dove abbiamo inserito il disco DVD di Vista, quindi diamo un bell’Ok

image

Step 2b: Se abbiamo Vista (magari col Sp1 integrato) su ISO

In questo caso clicchiamo sempre su CD/DVD-ROM nella finestra principale, però come opzione scegliamo File Immagine ISO. Nella casella di testo dobbiamo impostare il percorso del file ISO da virtualizzare (e che verà trattato come un DVD fisico dalla macchina virtuale).

Cliccado sul pulsante Sfoglia si apre il gestore dischi di Virtual Box. Questa finestra raccoglie e collega alle rispettive macchine virtuali sia i dischi fisssi virtuali che unità floppy e unità Dvd (o meglio: immagini floppy e immagini Cd/DVD)

image

Avendo selezionato la scheda Immagini CD/DVD,  clicchiamo su Aggiungi e quindi andiamo a cercare sul nostro disco il file ISO in questione.

Di primo acchito questo sistema di gestione vi sembrerà inutile o pesante. Ma vi assicuro che avere questi ’segnalibri’ o ‘immagini preferite’ che dir si voglia fa comodo quando usate spesso le machcine virtuali. In un paio di click passate da un CD ad un altro senza doverlo tutte le volte ricercare sul disco. Inoltre ogni disco fisso e ogni immagine possono essere usati su più macchine virtuali. Certo, non avviandole contemporaneamente.

image

Quella che vedete selezionata qui è la ISO di Windows Vista Ultimate con tanto di Service Pack 1 integrato. (Vedi il post di ieri…., dai dacci una occhiata..)

Premiamo prima Seleziona poi Ok e siamo allo stesso punto che si arrivava al termine dello step 2b.

Cioè siamo…

Step 3: .. Pronti per avviare la virtual machine !

Tornati alla finestra principale cliccate, se non è selezionata, sulla voce corrispondente alla machcina virtuale che volete eseguire, e quindi premete il pulsantone ‘Avvia’.

Per prima cosa assisteremo ad un boot screen, virtual ovviamente, ma simile ad un boot del bios di una macchina fisica.

image

Dopo di che verrà il sistema rileverà che il DVD virtuale è avviabile e lancerà l’installazione di Windows Vista !

Non aspettatevi prestazioni esaltanti da un sistema virtualizzato, a meno che non gli abbiate dato 1 Giga di Ram solo per lui e il vostro pc reale sia un certo pezzo di computer. Inoltre, nel caso specifico di Windows Vista, non sarà possibile avere l’interfaccia Aero Glass, ma solo la Basic (cioè nera, tonda ma non trasparente, per intenderci)

Da ora in poi potete fare alla vostra macchina virtuale quello che volete.

Mi raccomando, portate a termine l’installazione, molto rapida in ambiente virtuale tra l’altro.

Per spegnere la macchina usate la solita procedura, Start -> Arresta il sistema, altrimenti perderete tutto!

Se chiudete a forza la finestra della macchina virtuale vi verrà chiesto se spegnere la macchina a forza (nessuna modifica fatta sarà conservata, se inviare un segnale ACPI di spegnimento, tipo il cricchetto sul tasto di accensione di un pc reale, o se salvare lo stato della macchina, praticamente una ibernazione, ma sicurissima e potete farla anche a metà installazione o durante operazioni molto complesse)

Enjoy !

PS: per verificare se il vostro Sp1 si è installato, a parte verificare se ci sono o meno errori di installazione, andate nel Pannello di Controllo -> Sistema e vedrete che il vostro Vista si vanterà di avere il Service Pack 1 installato.

image

Un altro scenario è installare Vista puro e vedere come funziona l’installazione del Service Pack 1 eseguendone l’installazione dentro l’ambiente virtuale. zero rischi, insomma.

image

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...