Software Microsoft mina la privacy in ufficio

A volte pare proprio che la Microsoft faccia di tutto per attirare a sé le ire del mondo. In questo caso sta cercando di brevettare un software capace di monitorare svariate caratteristiche dei dipendenti di un’azienda, dal benessere fisico alla competenza ed efficenza. Il software era nato per monitorare lavori particolarmente a rischio errore umano, quali piloti, pompieri, astronauti NASA, ma questo tentativo di allargarne l’utilizzo a qualsiasi tipologia di lavoro ha dell’inquietante.

Il sistema prevede una serie di sensori wireless capaci di rilevare le attività metaboliche del dipendente onde qualificarlo per la sua produttività. Ovviamente in Gran Bretagna, dove il software è stato presentato, i sindacati e gli osservatori del lavoro hanno da subito innalzato le barricate della violazione della privacy e dei diritti dei lavoratori.

Non vedo peraltro come dei mirabili studiosi marketing come quelli di Redmond possano pensare a promuovere un software così invasivo all’interno delle aziende che non farebbe altro che provocare lo stesso stress che vorrebbe monitorare. Ma tant’è che la richiesta di brevetto per gli Stati Uniti è già stata presentata e Microsoft non ha dichiarato altro se non che sarà uno dei 7000 brevetti in suo possesso, come a voler dire che non necessariamente diverrà un prodotto finito.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...